Passa ai contenuti principali

#saturdaymix



Per l’appuntamento settimanale del sabato (fingiamo sia sabato, sì e non martedì),
Se cercate consigli o anche solo il conforto di non essere i soli a passare le giornate sui libri, su youtube c’è aboutgiulia che condivide la sua esperienza come studentessa di medicina. Sarà un caso che youtube mi abbia consigliato un suo video su una tecnica che aiuta a concentrarsi sullo studio? Io non credo.

Si chiama la tecnica del pomodoro. Per prima cosa impostate il timer a 25 minuti, esistono anche delle applicazioni specifiche (vi bas
terà scrivere pomodoro nell’app per trovarne parecchie). In quei 25 minuti dovrete mettere da parte ogni distrazione e nel caso in cui vi venga in mente di controllare l’email ricevuta due mesi prima da quel negozio online che adorate non fatelo, ma appuntatelo su un foglio di carta  per ricordarvi di farlo dopo. Quando suonerà il timer avrete qualche minuto di pausa prima di riprendere con un’altra sessione di 25 minuti. E così via. Concludendo quattro sessioni allora avrete concluso un pomodoro. E avrete studiato. In teoria.

Su instagram ho trovato la gallery di questa ragazza  che realizza degli impressionanti ritratti di molte celebrity (ma non solo). 

Qualche esempio:


















Alzi la mano chi non invida il suo talento.

Infine se vi piace il francese ecco un account instagram French words, in ogni post ci deliziano con una parola o frase in lingua francese e la traduzione in inglese.




Post popolari in questo blog

Thirteen reasons why

Bullet journal - l'agenda fai da te

“Devo controllare l’agenda” è una delle mie battute preferite, a pari merito con “insegua quella macchina!”
Ma non ne ho mai avuta una e ammettiamolo neanche la seria necessità. Dopo aver ricevuto in regalo le moleskine di Harry Potter ho pensato di utilizzarne una per creare un bullet journal. Su youtube si trovano decine di video dedicati al bullet journal, uno più creativo dell’altro. Belli, sì, ma io non ho la pazienza e anche il talento per disegnare scarseggia. Ma non è indispensabile alcuna dote artistica particolare.  Partiamo dalle basi.

Dove mangiare a Valencia e i souvenir